Aggiornato 7 Febbraio 2013

L’Istituto Comprensivo statale "Manara Valgimigli" raggiunge il traguardo dei suoi tredici anni d’esistenza. E’ un Istituto che ha molto lavorato per costruirsi un’identità basata sulla qualificazione del percorso formativo culturale della Scuola e sulla condivisione di alcune linee educative.

 

Il nostro Istituto non ha quindi solo tredici anni, ma ha già tredici anni di storia.

 

L’Istituto  ha caratterizzato la propria identità sulla qualificazione del percorso formativo culturale della Scuola e sulla condivisione delle linee educative da parte di ordini scolastici inizialmente a sé stanti. Il tutto ha portato alla stesura di curricoli sperimentali di italiano, matematica e storia, alla formazione di Commissioni di lavoro che hanno stilato progetti educativi, alla realizzazione di progetti d’Istituto e di rete, di area territoriale, di rete interna e di sede, che sicuramente sono stati occasione di arricchimento ed ampliamento dell’offerta formativa.

L’Istituto  affronta  le innovazioni scolastiche mantenendo lo sforzo cooperativo degli insegnanti, cercando di conservare quanto di valido è stato pensato ed agito negli anni precedenti.

A ciò si affianca lo sforzo didattico ed organizzativo che da sempre ci contraddistingue e che, anche per quest’anno scolastico, potrà avvalersi del supporto di Progetti di vario livello e di Commissioni di lavoro: il tutto in un quadro di notevole complessità.

 

L’Istituto Comprensivo “ Manara Valgimigli “ è una delle realtà scolastiche più vaste per estensione territoriale dell’Emilia Romagna e gravita nell’area territoriale  di 3 diversi Uffici Decentrati : di   MEZZANO, di   S. ALBERTO e di PIANGIPANE.

 

Accoglie oltre  1363  bambini di 3  ordini di scuola diversi distribuiti nelle seguenti 9 sedi scolastiche:

 

Scuole dell’INFANZIA

Scuole PRIMARIE

Scuole  SECONDARIE di I Grado

N. BRAVI

 S. Antonio

M. BARTOLOTTI

Savarna

 

M. VALGIMIGLI

Mezzano

M. G. ZACCAGNINI

S. Michele

G. RODARI

Mezzano

C. VIALI

S. Alberto

 

G. PASCOLI

S. Alberto

F. CASADIO

Piangipane

 

 

C. BALELLA

Piangipane

 

     

In generale la realtà socio-economica del  territorio risulta composta in prevalenza da agricoltori, operai, artigiani, negozianti e piccoli-medi imprenditori. Tra essi vi sono  i nostri genitori: padri e madri  occupati in attività lavorative che li impegnano gran parte della giornata  e li portano per molte ore lontani dal nucleo familiare. Queste famiglie manifestano quindi, la necessità di avere strutture educative, come quella scolastica, a supporto e sostegno della loro azione  educativa e formativa.

 Da qualche anno a questa parte, a seguito di  un ampliamento  della richiesta di manodopera, gli Uffici decentrati  hanno anche  registrato  un  flusso crescente di immigrazione.

Le famiglie straniere, provenienti in larga maggioranza da paesi extracomunitari e neocomunitarie, stanno progressivamente determinando una nuova realtà sociale e culturale piuttosto eterogenea.

Per tali motivi l’inserimento di alunni stranieri ci impegna nella conoscenza delle diverse realtà e nella ricerca di strategie atte a sviluppare una corretta integrazione.

 

Il Territorio

L’’Istituto ha instaurato un proficuo rapporto di collaborazione con le gli Uffici decentrati, le associazioni, gli enti e le agenzie del territorio che concorrono a sostenere e ad affiancare  il  percorso didattico ed educativo dei docenti. Tale collaborazione ha il fine di  promuovere progetti  integrati nella scuola e nella comunità.                                                                                       

In tal senso, considerando le caratteristiche ed i bisogni del territorio, già da alcuni anni è emersa la necessità  di intervenire sviluppando in via prioritaria laboratori di prevenzione al disagio giovanile, di integrazione, di recupero e di lotta contro la dispersione scolastica.

Strutture, risorse strumentali, servizi

L’acquisizione dei saperi richiede un uso flessibile e polivalente degli spazi usuali della scuola, ma anche la disponibilità di luoghi attrezzati che facilitino il processo di esplorazione e di ricerca: per le scienze, l’informatica, le lingue comunitarie, la produzione musicale, il teatro, le attività pittoriche, la motricità… .

(Indicazioni per il Curricolo - L’ambiente di apprendimento). Per potenziare e migliorare il servizio da alcuni anni, si sta provvedendo ad allestire aule speciali e  acquistare un’adeguata strumentazione:

I plessi dispongono in genere di fotocopiatrice, TV, videoregistratore, macchine fotografiche e macchine fotografiche digitali sono in dotazione nelle varie scuole;  la scuola secondaria di primo grado è dotata di aule per l’educazione scientifica e tecnologica, lavagne multimediali, aule per laboratori artistici e  per laboratori musicali.

Nei plessi della scuola primaria e nella scuola secondaria esiste una biblioteca.

 

AMBITO ORGANIZZATIVO RELAZIONALE

Lavoro dei docenti e ambiti di responsabilità

 

Considerata la complessità dell’Istituto, composto da più sezioni e plessi, si è predisposto un preciso organigramma ed un’accurata mappatura delle risorse umane.

I Consigli di classe (Scuola Secondaria di primo grado), di interclasse (Scuola Primaria) e di intersezione (Scuola dell’Infanzia), si riuniscono periodicamente, per discutere, confrontarsi ed accordarsi su:

-  curricolo disciplinare e interdisciplinare;

 - organizzazione/coordinamento delle attività legate a progetti specifici e/o di   laboratorio 

-  analisi dei bisogni specifici della classe e dei singoli alunni; 

-  metodologie e tempi; 

-  modalità di verifiche e valutazione; 

-  risultati conseguiti e difficoltà incontrate;

-  programmazione di uscite, viaggi di istruzione, interventi di esperti.

 

Nell’anno scolastico 2012/2013 sono state attivate otto funzioni strumentali al Piano dell’Offerta Formativa, con compiti inerenti alla realizzazione del POF e Territorio, alla Formazione, ad interventi a sostegno dell’Integrazione, Intercultura, per la Continuità, per   l’Orientamento scolastico, Agio e Cultura della Memoria.